Pagine

sabato 28 luglio 2012

[dukan] muffin al cioccolato

intanto confesso una cosa: quello nella foto non è fatto esattamente con la seguente ricetta, ma con una sua variante. il fatto è che la variante è venuta esteticamente più bellina, però faceva un po' schifo! :P
facendoli con questa ricetta vengono un po' più brutti, ma decisamente più buoni!


2 cucchiai crusca di avena
1 cucchiai crusca di grano
1 albume
3-4 cucchiaini yogurt magro fatto in casa
1 quadratino di cioccolato 99%
7-8 gocce tic
pochissimo aroma vaniglia
un pizzico di sale

montare l'albume con un pizzico di sale e qualche goccia di dolcificante.
tritare le crusche nel mixer, poi mescolarle con lo yogurt per fare una pappetta. aggiungerci dolcificante, aroma e cioccolato, mescolare, poi unire all'albume, cercando di non farlo smontare.
cuocere in forno a 180° per mezz'ora, togliere dallo stampino. io ho visto che il fondo non era ben cotto, quindi li ho rimessi capovolti nel forno spento e sfessurato a finire di cuocere.
risultato: buoni, si sentiva un po' poco la cioccolata, ma molto lo yogurt.

ho provato anche una variante senza uovo: ho aggiunto un cucchiaino di maizena e usato il lievito di birra secco (con un pochino di zucchero, pochissimo), e aggiunto anche un cucchiaino di cacao... la sconsiglio caldamente.

[dukan] cheesecake

di ricette in giro se ne trovano diverse. io non sapendo quale scegliere me ne sono inventata una!


base:
2 cucchiai crusca di avena
1 cucchiaio crusca di grano
1 cucchiaino cacao
1 cucchiaio ca. latte scremato
2-3 gocce tic

crema:
1 confezione philadelphia balance (200g)
7 cucchiai di yogurt mio (altrimenti altrettanto di yogurt magro o meglio ancora di total 0%)
1 uovo
1 albume
15 gocce tic (v. note)
2-3 gocce aroma vaniglia
4-5 gocce aroma arancia
1 cucchiaio ca. latte scremato
2 cucchiaini maizena

preriscaldare il forno a 190°.
preparare la base mescolando le crusche con il cacao e poi con il latte e il dolcificante, stenderle come base e mettere il recipiente in freezer.
montare un albume a neve con un pizzico di sale; a parte frullare insieme l'altro uovo, il philadelphia, lo yogurt, il dolcificante, gli aromi e la maizena: io l'ho sciolta in un cucchiaio di latte perché me ne ero dimenticata e l'ho aggiunta all'ultimo minuto, ma forse conviene perché sciolta nel latte non fa grumi.
unire la crema all'albume montato a neve, delicatamente. io non sono stata a mescolare troppo, infatti è venuta una superficie un po' strana, probabilmente se avessi mescolato un pochino di più sarebbe venuto buono uguale.
tirare fuori la base, e versarci sopra il composto, infornare per 40 minuti, lasciare in frigo per una notte.

note: provare a diminuire il dolcificante nella crema, perché si sente troppo il retrogusto di schifo. provare anche a mescolare la crema e gli albumi un pochino di più.
comunque non era affatto male.

venerdì 13 luglio 2012

dukan X - oibò

...e se perdo un chilo durante il consolidamento???
non è stata una cosa volontaria, ieri ho fatto il giovedì proteico e stamani mi sono svegliata che avevo finalmente perso anche il fatidico quarto chilo. fino ad ora in questa fase le oscillazioni di peso da un giorno all'altro si erano tenute entro ai 100 grammi, infatti mi stavo stupendo della assoluta precisione delle indicazioni di piero.
ora questa cosa mi ha veramente stupita.
comunque, considerato che per stasera ho in programma un pasto della festa che sarà tutt'altro che moderato (lo so che non si dovrebbe, ma quando ci vuole ci vuole: non ho festeggiato il compleanno, concedetemi almeno una serata di sfascio come si deve), ci sta anche che questo famigerato chilo lo riprenda tutto.
in caso contrario... allungherò il consolidamento di 5+5 giorni, anche se non posso certo dire che non ne vedevo l'ora.

EDIT (15/7/12):
...e infatti l'ho ripreso tutto XD
eh, vabè, non è un grosso problema.
di base sono più che contenta che durante questa fase il peso non sia *mai* salito, continuo a stupirmi di tanta precisione nei calcoli di dukan!
ebbbravo pièro.

EDIT (18/7/12):
macché, l'ho riperso! o__O e pure qualcosa in più! però ho letto su un forum che per il consolidamento bisogna tener conto solo dei chili persi durante la fase di crociera... quindi bene così! manca poco, poi sono libera!

mercoledì 11 luglio 2012

[dukan] crostatine

io ho un bisogno esagerato di dolci, e questa dieta è pesantemente restrittiva, perciò uno cerca di arrangiarsi come può.
per queste crostatine ho messo insieme indicazioni trovate in giro. non sono né convinta né soddisfatta del risultato, ma penso che ci si possa lavorare.


di seguito le dosi che ho usato.

per la pseudo-frolla:
2 cucchiai di crusca d'avena
1 cucchiaio di crusca di grano
due cucchiai di maizena
30g di yogurt magro fatto in casa e colato
un cucchiaino da caffè, raso, di lievito in polvere (quello bianco per pizze)
una bustina di dolcificante misura a base di stevia.

per la pseudo-crema:
1 uovo
un cucchiaino abbondante di maizena
150 ml latte scremato
13 gocce di tic (troppo)
qualche goccia di aroma all'arancia
qualche goccia di aroma alla vaniglia (meno)

frolla:
passare le crusche al mixer, unire maizena, lievito e dolcificante finché non viene una polvere omogenea.
fare un buco al centro e unire lo yogurt, impastare bene (può aiutare farlo in un sacchettino da freezer)
stendere la pasta, imburrare gli stampini per crostatine e coprirli con carta da forno, stendere e premere la pasta all'interno. bucherellare il fondo e coprire con fagioli secchi.
infornare a 180° per 15 minuti circa.

intanto preparare la crema:
sbattere l'uovo con la maizena. ho usato un uovo intero per provare, ma è meglio usare solo il tuorlo (già provato: in questo caso si può usare anche più latte, tipo 250 ml, la crema che avanza si può mettere in una tazzina e poi in frigo, ed è buona anche da sola). aggiungere il dolcificante e gli aromi, e poco a poco il latte. mettere sul fuoco e mescolare continuamente fino a che non si rassoda, spegnere il fuoco.

aspettare che le basi sfornate si siano intiepidite, poi riempire con la crema e mettere in frigo. io ci ho anche spolverizzato sopra un po' di cioccolato 99% grattugiato. non sono sicura, ma quello 99% dovrebbe essere adatto alla dukan, e comunque è così poco che non penso sia un problema.

servire dopo un paio d'ore.

risultato:
la "frolla" era troooppo dura in questa maniera, devo capire come ammorbidirla.
la crema la prossima volta la faccio soltanto col tuorlo, come avevo fatto fino ad ora: viene decisamente meglio.
di solito la faccio con queste dosi:

1 tuorlo
250ml latte
15g maizena
13-15 gocce di tic
qualche goccia di aroma alla vaniglia, oppure scorza di limone

il procedimento è lo stesso descritto su.

edit:
ho provato a mettere il cioccolato 99% grattugiato
dentro la crema, mescolandolo velocemente all'ultimissimo minuto, subito prima di spegnere il fuoco, facendo in modo che si sciogliesse solo appena appena, superficialmente. il risultato è bruttino, ma da leccarsi i gomiti! :D

yogurt fatto in casa

mi ero ripromessa di pubblicare qualche ricetta di tanto in tanto, ma da una parte mi fa fatica, dall'altra con le dosi vado sempre un po' a occhio, alla fine non l'ho mai fatto.
questa però è semplice, e il risultato è strepitoso. inizio a pensare che ci siano poche cose migliori dello yogurt fatto in casa.



per questa "ricetta", se così la vogliamo chiamare, non serve la yogurtiera.
bastano
un pentolino,
un recipiente con coperchio ermetico,
un colino,
una tazzina,
una coperta,
un forno spento,
cucchiai e cucchiaini,
un termometro,
un litro di latte ed
un cucchiaino di yogurt fresco.

per prima cosa mettere il litro di latte a bollire nel pentolino. si può usare il latte intero, io ultimamente sto usando quello parzialmente scremato per via della dukan, ma lo yogurt viene comunque buonissimo. il latte scremato non credo vada bene.
appena arrivato a bollore aspettare che si alzi un po', togliere la panna e spegnere il fuoco.

io a questo punto riempio l'acquaio di cucina con acqua fredda e ci metto il pentolino, in modo che la temperatura scenda più velocemente.
il latte deve arrivare a 40°, nella maniera più precisa possibile. si può usare un termometro da cucina, ma io uso uno di quelli digitali per misurare la febbre (opportunamente pulito, s'intende!) e va più che bene.

poco prima che il latte arrivi a temperatura ne prendo 2-3 cucchiai da minestra e in una tazzina li mescolo bene insieme al cucchiaino di yogurt (anche questo va bene sia magro che intero, basta che sia abbastanza fresco e abbia i fermenti ancora vivi), in modo che non faccia grumi. quando è bello liquido lo faccio passare attraverso il colino, nel recipiente a chiusura ermetica.

una volta che il restante latte è arrivato a 40° passo anche questo attraverso il colino per versarlo nello stesso recipiente, poi mescolo con un cucchiaio. questa parte è da fare piuttosto velocemente in modo che la temperatura non si abbassi: se non ci sono grumi (non ce ne dovrebbero essere) basta una mescolata veloce; dopodiché bisogna chiudere il recipiente, avvolgerlo in una coperta (o in un paio di sciarpe come faccio io) e chiudere questo fagotto dentro al forno spento. questo serve a mantenere la temperatura più o meno costante e anche ad evitare che il recipiente venga mosso. ovviamente è da fare in una giornata in cui non si intende usare il forno! :P

dopo 8 ore si può tirare fuori il tutto, togliere la coperta e passare lo yogurt in frigo.
io ce lo lascio almeno due ore, e volendo la cosa può anche finire qui, lo yogurt viene buono e compatto, solo che poi butta molto siero.

io quindi aggiungo un altro passaggio: lo riprendo, stendo un panno (o tre fogli di carta da cucina) dentro ad un colino e lo appoggio su di una ciotola, e ci verso lo yogurt.
rimetto tutto in frigo, lo lascio per almeno mezz'ora, ma anche di più. controllo abbastanza spesso per togliere il liquido, poi quando sono soddisfatta (sì, faccio tutto a occhio) rimetto lo yogurt in un recipiente (va bene anche quello usato prima, va un po' pulito chiaramente) e do una mescolata per amalgamarlo bene.
in questa maniera viene uno yogurt bello compatto e cremoso tipo quello greco.
buonissimo! no giuro, di più!

per rifarlo poi basta, ogni volta, ricordarsi di non finirlo tutto ma lasciarne un cucchiaino, e a me sembra che venga sempre più buono :)


PS: ho imparato da qui

venerdì 6 luglio 2012

dukan IX

c'è un aspetto della dukan che non ho toccato in questi post. il caro pierre "prescrive" tot minuti di camminata sostenuta giornalieri, a seconda della fase della dieta in cui ci si trova.
io sarò sincera: questa "regola" l'ho bellamente ignorata, perché se posso stare una giornata in pigiama (o in mutande, visto il clima) senza uscire di casa, lo faccio ben volentieri, e anche perché fa troppo, troppo, troppo caldo e io detesto sudare.
in fase di attacco non ho fatto alcun tipo di esercizio fisico.
poi ci ho pensato un po'. una delle cose che gli atleti fanno per mettere su massa muscolare è una dieta iperproteica. e cos'é la dukan?
io ho una massa a dir poco ridicola, sempre avuta, perché lo sport proprio non fa per me. quindi ho iniziato a fare un pochino di esercizi a casa, ogni giorno. prima ho iniziato con quelli suggeriti nel libro, da fare mattina e sera, però non mi piacevano, perché appena sveglia e subito prima di dormire voglio fare qualsiasi cosa, fuorché mettermi a fare ginnastica, e perché sono noiosi in maniera aberrante; quindi ho smesso. ho iniziato invece a fare altri esercizi, con più libertà, però con un punto fisso in comune: un libro in mano. ho scoperto che in questa maniera riesco a fare molto più del normale, perché non mi annoio. ok, non sto concentrata sugli esercizi, quindi forse non li faccio benissimo, ma è meglio farli non perfettamente o non farli proprio?
in più, in questa maniera leggo più del solito, e questo mi rende molto, molto contenta!
credo che stia servendo, e forse uno dei motivi per cui la mia perdita di peso è stata poca cosa è che ho messo su un pochino di massa (i muscoli sono la parte più pesante del corpo). spero che sia così, mi piace pensarlo. guardando le foto prima-dopo secondo me sembra che abbia perso più di tre miseri chili. forse mi illudo, ma meglio così, in ogni caso.

giovedì 5 luglio 2012

george r.r. martin, a storm of swords

recensione breve, perché parlare di questi libri evitando gli spoiler è quasi impossibile. devo dire che rispetto ai precedenti questo mi ha convinta meno. non posso dire che non mi sia piaciuto, anche perché ormai mi sto appassionando alla saga. tuttavia mi è sembrato meno scorrevole, più lento e "trascinato" per i primi 3/4... poi alla fine si rianima un po' tutto, fortunatamente, ma è anche normale che sia così, in qualche modo il caro martin deve farti venire la voglia di leggere il successivo, no? :)
anche in questo si finiscono per scoprire lati inaspettati di alcuni personaggi, e questo aspetto dei libri di martin continua ad essere uno di quelli che più me li fanno apprezzare!

dukan VIII

con ieri si è conclusa la mia "fase di crociera". devo dire con scarso successo, sotto ai 3 chili non sembra che io riesca a scendere, però mi sono rotta le palle e voglio tornare a mangiare roba che costa meno perché non ho più una lira, quindi da oggi consolidamento. normalmente non mangio mai il pane, ma devo dire la verità, l'idea di reintegrarlo non mi dispiace affatto! e ho già comprato gli spaghetti... quanto mi son mancati, non vedo l'ora!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...