Pagine

giovedì 15 marzo 2007

99 eurocent di shopping compulsivo

io voglio pubblicamente ringraziare chi per primo ha avuto la geniale idea di creare un negozio "tutto a 1 euro". è un genio e lo amo per questo. questi negozietti sono una manna per il mio umore! perché? perché quando mi girano le palle mi permettono, anche se non ho una lira - anzi un euro - per farne due, di sfogarmi tramite gli acquisti! viva lo shopping compulsivo che non grava troppo sulle finanze!
ieri mio fratello tenta di sfondare una porta di casa nostra per puro divertimento, o forse perché è idiota, probabilmente per entrambe i motivi.
io esco inviperita all'inverosimile, e seppur con un ditino del piede destro rotto, mi dirigo verso il centro spedita come una mina per farmi passare l'incazzatura. sulla mia strada incappo in tre di questi negozini... in uno è tutto ad un 1 euro, e negli altri due tutto a 99 cent.
sono tornata a casa con un sacchettata di roba indecente, e il grosso veniva da quei 3 negozini e valeva in tutto circa 12 euro... più o meno la metà di quello che ho speso nei due negozi normali in cui avevo deciso di passare, per prendere 4 misere cosucce che nel sacchetto creavano ben poco ingombro, e che costavano una sassata l'una (dovevo prendere un regalino per un compleanno ed alcuni materiali per i miei lavoretti).
ad ogni modo la spesa mi ha dato una gran soddisfazione. non mi ha fatto passare l'incazzatura, ma l'ha molto alleviata.
tra le altre cose mi sono comprata una decina di mollette colorate a fiorellino tutte glitterose... certo che basta poco per farmi felice!

quindi, in sostanza, grazie creatore dei negozietti "tutto a 1 euro!" ti devo il mio umore-post-shopping-compulsivo!

sabato 10 marzo 2007

neil gaiman, anansi boys

sapevo di questo libro che era una specie di seguito di american gods. in realtà c'entra pochino. un solo personaggio si ripresenta (anansi, appunto), e... e basta praticamente. il racconto ha toni completamente diversi: non c'è nessuna tempesta in arrivo, il protagonista non è tenebroso, ma imbranato e pure un po' sfigatello, e la trama è molto divertente! non mi azzarderei a dire che si tratta di un libro comico, perchè non mancano momenti di tensione, è però decisamente più leggero e scanzonato rispetto ad american gods. la storia si potrebbe dire che in qualche modo è una "storia di anansi", proprio come quelle della tradizione africana... non voglio dire altro per non rovinare la lettura a nessuno... è bella e orignale, ma comincio a dubitare che neil gaiman possa stupirci con qualcosa di banale e scontato... meglio così, no ? :)

giovedì 1 marzo 2007

auto a idrogeno e distributori - petizione

da anni e anni ormai esistono le auto a idrogeno, probabilmente lo sapete. e probabilmente sapete anche che se non vengono vendute è solo ed unicamente per fare gli interessi dei signori del petrolio... a me questa cosa ha sempre fatto imbestialire.

per questo motivo ho firmato immediatamente questa petizione, ed invito chiunque passi di qui a fare altrettanto: è forse l'unico modo per far sì che qualcosa si muova e si faccia finalmente qualche passo avanti.

si tratta di una petizione per installare ad ogni stazione di servizio almeno un distributore di idrogeno e per iniziare a produrlo utilizzando energie rinnovabili.

in questo modo forse potranno iniziare a girare anche auto a idrogeno... e forse potrebbe finalmente venirmi voglia di prendere la patente ;)

maggiori informazioni in proposito possono essere trovate a questo indirizzo.

mi raccomando firmate e fate firmare ai vostri amici e parenti!!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...